L’Italia è a rischio sforamento sul deficit. Bruxelles “no alla legge sulla stabilità”

Bruxelles

 

La Commissione Europea sostiene che la “legge di stabilità” espone l'Italia al rischio di “non rispetto delle regole sul deficit presenti nel patto di stabilità“.

Quindi l'Italia è uno dei paesi con un alto rischio di sforamento dei parametri. Per Bruxelles il calo strutturale del rapporto deficit/Pil deve essere di 0,5 punti, mentre nella legge di stabilità il calo è inferiore. Il testo inviato a Bruxelles per le nuove regole di governance UE  “evidenzia progressi limitati

Il Ministero dell'Economia e Finanza dopo le osservazioni UE precisa ” sono già in campo misure per contrastare eventuali rischi su disavanzo e debito 2014“.  Secondo le analisi di Bruxelles l‘Italia non potrà avvalersi della clausola sugli investimenti, difatti, per Bruxelles essa non potrà richiedere questa clausola perchè non rispetta la condizione del debito pubblico ed inoltre le misure che si adotteranno rischieranno di essere indebolite in parlamento.

Ma non è solo l'Italia ad avere il giudizio negativo per la Commisione UE il bilancio dei paesi dell'Eurozona, dichiarano, non hanno ancora posto sufficiente attenzione alla composizione del consolidamento fiscale. In particolar modo l‘andamento generale di riduzione sulla spesa pubblica osservata negli ultimi anni non è stato irreversibile, quindi occorre avvalersi di una strategia di consolidamento ben definita, a maggior ragione in quelle aree di spesa che risultano essere relativamente ampie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here