La Banca On Line

Recensioni ed Opinioni sulle Migliori Banche Online

Morgan Stanley: azioni da acquistare e azioni da evitare

Gli esperti della Morgan Stanley sostengono che il mercato non stia prendendo in considerazione nel modo giusto il reale potenziale di valore che si trova racchiuso in diversi titoli finanziari europei.

Le previsioni per i prossimi anni invece sono abbastanza pessimiste. In ogni caso è importante tenere sempre in considerazione il fatto che siano delle azioni che hanno ancora dei margini di rialzo e quelle che invece non meritano di più.

Tra le azioni che potrebbe essere ancora acquistate ci sono quelle della banca francese Bnp Paribas, che ha come capitale 62,8 miliardi di euro.

Tale banca può affidarsi una buona capacità di gestione/riduzione dei costi, ma con grande probabilità riuscirà ad incrementare la quota di mercato soprattutto grazie alla solidità del proprio bilancio.

Per questo motivo con il tempo potrebbe essere migliorata anche la remunerazione degli azionisti.

Altre azioni che potrebbero essere acquistate sono quelle del gruppo olandese Ing che ha come capitale 33,6 miliardi d euro.

Per adesso sembra che le azioni della Ing prevedono un buon margine di crescita.

Gli esperti dei Morgan Stanley invece sostengono che tra le altre azioni su cui investire ci sia anche Julius Baer che ha avuto un rialzo nel rating sul titolo perché il mercato sottovaluta il ritorno potenziale sul capitale nel lungo termine, una ripresa della raccolta soprattutto nel 2015/2016 e la possibilità di avere margini sostenibili.

Un altro titolo da prendere in considerazione è quello del gruppo inglese Lloyds BG che trarrà vantaggio soprattutto dal miglioramento dei mercati immobiliari.

Anche le azioni di UBS sono da valutare perché potrebbe presto incrementare gli utili.

Le azioni da evitare invece sono quelle dell’italiana Banca Popolare che ha un reddito basso, quelle del Monte dei Paschi che a causa delle note difficoltà rischia di non riuscire a tornare redditizia nel corso dei prossimi anni.

Da evitare anche le azioni dell’istituto spagnolo Popular che rischia di vedere i primi progressi nella redditività solo nel 2015.

Updated: settembre 18, 2013 — 5:34 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Banca OnLine © 2011-2017. La Banca Online è un blog dedicato al mondo delle banche online italiane. Online dal 2011, La Banca Online è un punto di riferimento per gli utenti delle banche online in Italia. Mappa del sito. Tutti i diritti sono riservati.