La Banca On Line

Recensioni ed Opinioni sulle Migliori Banche Online

Mario Draghi. I punti importanti del discorso di Londra.

Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea, parlando alla City di Londra, ha espresso fiducia per i segnali di miglioramento delle condizioni finanziarie nell’area dell’euro.

Secondo il Presidente, “gli spread sui mercati del debito sovrano e delle grandi aziende si sono considerevolmente ridotti”, mentre,  per nelle banche dei paesi più stressati “i depositi collocati presso di loro da entità non bancarie dell’area euro sono cresciuti di circa 200 miliardi di euro dall’agosto del 2012″.

Segnali positivi anche sul fronte finanziamenti e prestiti. Dice Draghi: “Abbiamo anche iniziato ad osservare convincenti segnali che la frammentazione dei finanziamenti bancari sono diminuiti fortemente. Anche se i prestiti delle banche alle imprese e ai risparmiatori restano anemici, stiamo vedendo alcuni segnali di lieve miglioramento sul fronte dei prestiti”.

“Questi miglioramenti – aggiunge – sono in larga parte legati al rischio di un collasso sistemico dell’Unione monetaria che i mercati avevano messo in conto e sono ora in larga parte stati rimossi”.  “Possiamo affermare – conclude – che l’Unione economica e monetaria europea e’ più stabile oggi di un anno fa”.

La City di Londra è stata anche l’occasione per parlare della solidità dell’Europa e delle importanti riforme sociali che bisogna attuare in urgenza.  Per Draghi l’alto tasso di disoccupazione giovanile è una minaccia per la stabilità sociale e per la stessa stabilità istituzionale dell’Unione Europea. La struttura del mercato del lavoro deve essere riformata con un lavoro interno dei paesi, ma è anche compito della Comunità stessa la quale viene messa alla prova nelle sue funzioni e nella sua solidità. E in quest’occasione ha toccato anche il tema dei nuovi ruoli che la BCE sta assumendo in preparazione dell’Unione Bancaria Europea.

“La Bce, in quanto istituzione posta alla frontiera dell’integrazione europea, ha giocato un ruolo attivo nell’indirizzare questa crisi. La credibilità’ della Bce verso questo risoluto impegno al suo obiettivo primario non e’ stato scosso agli occhi dei mercati e degli europei. E questo e’ avvenuto perché’ le nostre credenziali nel preservare la stabilita’ sono state provate sia quando i rischi erano al rialzo, sia quando i mercati, spinti dal panico, minacciavano di spedire l’economia in una spirale al ribasso”.

Updated: maggio 24, 2013 — 11:09 am

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Banca OnLine © 2011-2017. La Banca Online è un blog dedicato al mondo delle banche online italiane. Online dal 2011, La Banca Online è un punto di riferimento per gli utenti delle banche online in Italia. Mappa del sito. Tutti i diritti sono riservati.