BCE Supervisore. Più selezione per i finanziamenti

Al ruolo di custode della politica monetaria, la Banca Centrale Europea assumerà nei prossimi anni un nuovo ruolo di vigilante e super visore, in vista delle politiche bancarie comunitarie che si stanno discutendo da diverso tempo.

La Banca Centrale Europea potrebbe adottare un approccio più selettivo nella politica dei finanziamenti al sistema bancario a scapito degli istituti più deboli. Sfrutterebbe, infatti, i nuovi poteri di vigilanza che le saranno attribuiti il prossimo anno. Questo preoccupa alcuni esperti del settore, poiché, senza l’aiuto della BCE e in piena crisi finanziaria, le banche più piccole rischierebbero il fallimento  a fronte della crescita delle banche più solide. Invece, Daniel Gros, del Centre For European Policy Studies, è positivo nei confronti del nuovo ruolo della BCE e afferma “”Avere la supervisione permette alla Bce di discriminare tra banche ‘zombie’ e banche sane e assicurarsi che i finanziamenti vadano alle banche che prestano i soldi all’economia”.

Nell’ultimo anno, la Banca Centrale Europea ha concesso alle banche 1000 miliardi di euro in prestiti a 3 anni con tassi bassi. E si affida, per la vigilanza, alle autorità nazionale per ottenere informazioni sulle banche che chiedono finanziamenti. Con i nuovi poteri di supervisore, la BCE utilizzerà le informazioni ottenute direttamente con il suo ruolo per scegliere le banche a cui destinare i finanziamenti. Agli istituti patrimoniale deboli potrebbe  richiedere o una politica di rafforzamento o escluderle dalle operazione di prestito.

About Giovanni Angioni

Fondatore del sito LaBancaOnline.net, mi occupo di marketing internazionale e finanza online da più di un decennio.
View all posts by Giovanni Angioni →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *